Pin It
Vai al contenuto

LEZIONI DI ARRANGIAMENTO – il trio come formazione autonoma

LEZIONI DI ARRANGIAMENTO - il trio come formazione autonoma. In questa lezione si parlerà del trio come formazione autonoma. La domanda potrebbe sorgere spontanea: "il trio, non è una formazione autonoma?". La risposta è sì, ovviamente, se si pensa ad un trio jazz come ad esempio il trio di Bill Evans.

Quando si parla di arrangiamento, tuttavia, è bene distinguere il trio, in due tipologie e con caratteristiche differenti:

  • trio jazz (ad es. pianoforte, contrabbasso, batteria) trio jazz per eccellenza, con una sua identità ben precisa;
  • trio sezione ritmica (ad es. pianoforte, contrabbasso, batteria) che supporta quindi che accompagna una sezione di fiati o un ensemble più grande. Questa formazione sarà "al servizio" dell'ensemble e la sua funzione sarà limitata quasi esclusivamente a questo scopo.
N.B.: nel trio (sia se parliamo di trio come formazione autonoma sia se parliamo di trio come sezione ritmica) il pianoforte è spesso sostituito dalla chitarra.

LIKE TO VIEW

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »